venerdì 21 novembre 2008

Esattamente un anno fa oggi abbiamo dato il benvenuto a casa al nostro piccolo. Andrea doveva essere il più bel regalo di Natale, invece il destino aveva deciso per un arrivo anticipato di dieci settimane. Per fortuna era un bimbo sano e la sua nascita prematura non gli è stata causa di gravi problemi. Doveva però ancora crescere molto e, per le prime cinque settimane di vita, la sua casa è stata il reparto di Patologia Neonatale del Policlinico S.Matteo di Pavia. Questo post vuole essere un ringraziamento per tutti i medici, infermieri e ausiliari. Sulla porta d'ingresso del reparto c'è un cartello che narra "noi curiamo dei figli, non dei pazienti", ed è assolutamente vero. Perché, oltre alla professionalità, ci vuole anche tanto amore per aiutare piccole creature indifese a crescere quando dovrebbero essere ancora al sicuro nella loro mamma e a dare la speranza a tanti genitori spaventati da quello che il futuro potrebbe riservare ai loro bimbi. Un grazie particolare alla Dott.ssa Figar che si è presa cura di Andrea durante tutto il suo ricovero e che, con la sua gentilezza, disponibilità e dolcezza, ci è stata d'aiuto anche nei mesi successivi, quando ancora il mestiere di genitori di un piccino più piccino di altri ci spaventava tanto. Ora un anno è passato e presto finiremo le nostre visite periodiche in quel reparto; Andrea è cresciuto e quando lo guardo il mio pensiero spesso corre a quella realtà che mi ha fatto capire quanto la forza della vita abbia il potere di fare miracoli, quanto una professione possa aiutare, ora dopo ora, a crescere e diventare forti, quanto la fragilità deve essere fonte di speranza e preghiera e, soprattutto, che non c'è dono più grande del poter cullare, proteggere, crescere ed amare un figlio.
Exactly one year ago today we gave our welcome home to our precious little baby. Andrea was to be the most beautiful Christmas present, however, the fate had decided for an early arrival of ten weeks. Fortunately he was a healthy baby and his premature birth was not due to serious problems. But he still had to grow much and, for the first five weeks of life, his home was the department of Pathology and Neonatal Intensive Care Unit of S. Matteo Hospital of Pavia. This post will be a thanksgiving for all doctors, nurses and auxiliary. On the door of the ward is a sign that said "we take care of the children, not patients"and it is absolutely true. Because, in addition to professionalism, it takes too much love to help small defenseless creatures to grow when should still be safe in their mothers and to give hope to many parents frightened by what the future might give to their children. Special thanks to Dr. Figar that took care of Andrea during his hospitalization and, with her kindness, gentleness and availability, helped us a lot in the months ahead, even when to be parents of a child smaller than other children frightened us so much. Now a year has passed and soon we will end our regular visits in that department. Andrea is grown and when I watch him my thoughts often run to that reality that made me understand how the power of life can do miracles, as a profession can help, hour after hour, to grow and become stronger, as the fragility should be a source of hope and prayer and, above all, that the greatest gift of all is to be able to lull, protect, grow and love a child.

3 commenti:

Fra ha detto...

Che dire ben arrivata! Auguri in ritardo per il tuo compleanno(anche mio marito è di Novembre, 6 novembre '70 come te giusto?) aspetto di vedere le tue opere.

simo ha detto...

Davvero, è già passato un anno, e se riguardo le foto che mi mandavi pian piano che il cucciolo cresceva, a vederlo adesso non sembra neanche più lo stesso.
Sono immensamente felice di poter lasciare questo saluto sul TUO blog... finalmente!!!
Continua così Eli, un bacione.
PS anche al mio 'fidanzato'....

Dual ha detto...

Grazie per la visita al mio Blog sara' un piacere leggerti..e se ti servisse un aiutino..fischia!!!!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails